La grafologia

Scrivere significa dispiegare il gesto grafico su una superficie, per modulare una forma in uno specifico spazio, attraverso un ritmo e un movimento peculiari. Dal dispiegarsi del gesto sul foglio il grafologo trae elementi per la sua analisi, poiché il gesto grafico riconduce inconfondibilmente al suo autore ed esprime aspetti della sua individualità più profonda.

L’oggetto d’analisi della grafologia non è il contenuto dello scritto ma il divenire del gesto grafico, il suo movimento, il posizionarsi delle righe e delle parole sul foglio di carta. Questo divenire è il risultato sia di atti intenzionali coscienti sia di gesti automatizzati guidati dal sistema nervoso e cerebrale, i quali esprimono strutture recondite, proprie ed esclusive di ognuno.

Nella scrittura confluiscono quindi tanto i nostri aspetti razionali quanto le nostre emozioni e i nostri moti inconsci, essendo il gesto grafico il prodotto sia di quella forma di vita, sociale e culturale insieme, in cui siamo da sempre immersi sia di quell’attività neuronale che accompagna ogni nostra azione.

La grafologia non è una branca né della psicologia né di una qualche scienza naturale, bensì una disciplina autonoma che ha delineato uno specifico oggetto di studio (il nesso tra gesto grafico e le disposizioni del carattere) attraverso l’elaborazione di un suo apparato metodologico, di tecniche e procedure peculiari costruite sulla base delle ricerche dei padri della disciplina e dei loro successori.

Essendo al crocevia di molti saperi e scienze eterogene tra di loro (neurofisiologia, neuropsichiatria, scienze cognitive, psicologia, psicoanalisi, ecc.), la grafologia è una scienza sempre in mutamento, come qualsiasi altra scienza empirica, e che vive nella compresenza di tecniche e approcci diversi.

Noi partiamo dal presupposto dell’irriducibilità dell’Io a qualunque griglia interpretativa, ossia dall’impossibilità di dar conto della nostra interiorità attraverso un’unica disciplina o teoria. In questo senso la grafologia si configura come un punto di vista specifico in cui è possibile mostrare una delle infinite sfaccettature che costituiscono quel fondo insondabile che siamo noi stessi.

Servizi

Sono diverse le possibili applicazioni della grafologia, e dunque i servizi che il nostro studio offre al cliente:

  • Analizzando le dinamiche interne al processo evolutivo del soggetto, la scrittura si configura come la prima rivelatrice del disagio psicologico nei bambini e negli adolescenti
  • Rivelando le attitudini e le potenzialità del soggetto scrivente, la grafologia è un utile strumento nell’orientamento agli studi superiori e universitari, nella selezione del lavoro
  • Viene utilizzata per la cura della disgrafia, con l’obiettivo di ripristinare le funzioni grafiche perdute o mai del tutto acquisite
  • La consulenza peritale, o perizia grafica, si rivolge ad avvocati, notai, istituti di credito, procure della repubblica, agenzie investigative
  • L’analisi della scrittura può aiutare ad avvinarci al nostro nucleo più profondo, mostrando i segni lasciati dagli antichi dolori e soprattutto le nostri doti inespresse, le capacità da riscoprire.
Copyright © 2021 - Grafologia Roberta Lombardi